Figure professionali aperte e chiuse: la differenza

C'è una bella differenza tra figure professionali aperte e chiuse! Scoprila!

insegnante freelance professione aperta
Share on facebook
Share on google
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Figure professionali chiuse

Le figure professionali possono essere aperte o chiuse.

Quelle chiuse prevedono l’iscrizione a particolari albi, dopo aver conseguito un percorso accademico dettato dalla legge in vigore nel territorio nazionale. E’ quindi diverso da paese a paese, così come lo sono le norme che lo regolano.

Gli ordini professionali riconosciuti in Italia sono ventisei, per potervi accedere sono necessari dei requisiti come il superamento di un esame di stato o l’acquisizione di una specifica abilitazione, in base a delle specifiche regole stabilite dall’ordine professionale di appartenenza.

Fra gli albi e gli ordini professionali italiani il cui accesso è stabilito dal possesso della laurea vi sono: l’Ordine Nazionale dei Giornalisti, il Consiglio Nazionale Ingegneri, il Consiglio Nazionale dei Chimici, l’Ordine Nazionale Forense, l’Ordine Nazionale dei Biologi, la Federazione Nazionale Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani, il Consiglio Nazionale dei Geologi, l’Ordine Nazionale dei dottori Agronomi e dottori Forestali.

Per poter esercere la professione di tipo chiuso è necessario l’iscrizione all’albo, dopo aver seguito quindi un rigoroso iter di acquisizione di titoli accademici e prove selettive.

apprendimento insegnante privato

Figura professionale aperta

Le figure professionali aperte non sono invece legate a nessun tipo di iscrizione ad un albo, né posseggono nessun vincolo di possessione di titoli di studi per essere esercitate.

Professioni di questo tipo sono quelle legate alle attività come coaching, counseling, insegnamento freelance, operatori olistici, etc.

Queste figure non sono ancora ben regolamentate dallo stato italiano e non esistono quindi vere e proprie certificazioni che abbiano un valore statale per poter esercitare la professione aperta.

Per decidere quindi che percorso accademico vuoi seguire devi conoscere prima a quale categoria professionale appartiene il lavoro da te scelto.

Sarà più facile per te capire il percorso da seguire!

Il lavoro dell’insegnante freelance è una professione aperta, non richiede l'iscrizione all'albo, per essere esercitata.

VUOI DIVENTARE UN TUTOR DELL'APPRENDIMENTO PROFESSIONISTA?

Iscriviti alla Masterclass in Regalo

"GUADAGNA UNO STIPENDIO CON LE LEZIONI PRIVATE"

GUADAGNA CON LE LEZIONI PRIVATE

Avrai a tua completa disposizione, 40 minuti circa di Masterclass che va dritta al sodo sugli argomenti più importanti:

  • Le basi fondamentali dell’insegnamento privato

  • Quanto guadagni con il tutoraggio scolastico

  • Come essere in regola con la fiscalità

  • Qual’è il prezzo giusto da chiedere

  • Perchè c’è così tanto lavoro per i tutor dell’apprendimento

  • Quali titoli sono necessari per lavorare come tutor dell’apprendimento

  • La mission dell’insegnante

  • Il metodo definitivo per il tutoraggio

  • Il segreto per crearti un ottimo stipendio

ISCRIVITI ALLA MASTERCLASS IN REGALO

crearsi uno stipendio con le lezioni private

Leggi gli ultimi articoli del blog

Insegnante Privato e Partita IVA

Come comportarsi fiscalmente con le lezioni private a casa, al domicilio dell’alunno oppure on line La figura del docente privato, al giorno d’oggi, è molto

Read More »

Come funziona l’apprendimento

Come funziona l’apprendimento Per apprendimento si intende una modificazione comportamentale che consegue all’interazione con l’ambiente ed è il risultato di nuove esperienze. Share on facebook

Read More »

Homeschooling, la scuola familiare

Homeschooling, la scuola familiare Quando i genitori diventano gli insegnanti dei propri figli Che cos’è la scuola familiare? Homeschooling, termine inglese che indica un metodo

Read More »

Se ti è piaciuto questo articolo, condividilo! Condivisione è prendersi cura degli altri, dilvulgando informazioni che possono tornare utili alla collettività. Scegli come condividere l'articolo dai pulsanti qui sotto

Share on facebook
Share on google
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Hai qualche altra curiosità? Compila il form sottostante, saremo lieti di risponderti il prima possibile